venerdì 25 gennaio 2008

E adesso

Ipotesi a. Reincarico a Prodi, rimpasto con altra (diversa) maggioranza: non praticabile, negata dallo stesso Prodi perché non ce l’ha, un’altra maggioranza.
Ipotesi b. Incarico ad altri (Amato, D’Alema), con missione riforme costituzionali e legge elettorale: improbabile, per la difficoltà di reperire una maggioranza che non renda inutile la forzatura.
Ipotesi c. Governo tecnico, con missione legge elettorale: probabile, perché alla legge non si arriverà mai, ma ci vuole qualcuno che governi fino al referendum e alla conseguente legge elettorale: cosa che piacerebbe a Napolitano perché votare con l’attuale legge fa davvero orrore.
Ipotesi d. Elezioni anticipate con l’attuale legge elettorale: molto probabile, perché a tutti, tutto sommato, interessa schivare il referendum.
Ipotesi e. Scioglimento delle Camere e indizione Assemblea Costituente per riforme e nuova assemblea legislativa, a cui non possa partecipare alcun eletto nelle ultime cinque o sei legislature: pura utopia.

3 commenti:

virginie ha detto...

ze bello, vuoi mantenermi in stato di nausea perenne? (però no, dai no, l'assemblea costituente no. ci pensi che vorrebbe dire la nostra magnifica costituzione nelle mani di saggi come calderoli? no, ze, la costituzione lasciamola com'è, grazie).

zesitian ha detto...

virginie, non hai letto bene: TUTTI quelli che sono in Parlamento adesso non potrebbero parteciparvi. e la nostra bellissima costituzione ha solo bisogno di passare da due camere a una, abolire le province e vietare il conflitto di interesse a tutti i livelli.

virginie ha detto...

cucciolo, uff, il tuo bellissimo nuovo template mi si mangia i commenti una volta su due. e mi tocca riscrivermi. uff. ritiro (in parte) quello che ho scritto. per il resto mica so' tantissimo d'accordo: il bicameralismo è un problema quasi solo in Italia, altrove han due camere e stan bene così (in GB no, ma loro, finora, si son tenuti i lord, non è che sia proprio uguale uguale), abolire le province è una cosa di cui si parla e che sembra buona e giusta, ma personalmente (a parte quelle ovvie e ottime) non ho ancora valutato se non nasconda velleità da scorpione; per me è un argomento da approfondire. la terza cosa, è ovvio, s'ha da fare. ma, per il momento, non vedo nessuno, neppure fuori dal parlamento che sia degno di mettere le mani sulla costituzione. per il momento la mia posizione è "ten giò i man del nichel". ma ci penserò